instagram-facebook-whatsapp-non-funzionano

Instagram, Facebook e WhatsApp non funzionano

Instagram, Facebook e WhatsApp non funzionano dando spazio ad un blackout totale mai visto prima.

I malfunzionamenti sono iniziati alle 17.30, fino a rendere inaccessibili le piattaforme di Facebook, WhatsApp e Instagram.

Il fenomeno ha coinvolto Paesi di tutto il mondo e ha costretto l’azienda alle scuse.

We’re aware that some people are having trouble accessing our apps and products. We’re working to get things back to normal as quickly as possible, and we apologize for any inconvenience.

— Facebook (@Facebook) October 4, 2021

Il trionfo di Twitter

Trionfa invece Twitter, dove gli utenti di tutto il mondo si sono riversati in massa scatenando l’ironia da meme, tipica dei feed del social.

instagram-facebook-e-whatsapp-non-funzionano

Intanto, Twitter gongola e saluta tutti “i nuovi arrivati” orfani delle piattaforme di Mark Zuckerberg.

hello literally everyone

— Twitter (@Twitter) October 4, 2021

Sotto il tweet dell’account ufficiale dell’azienda fondata da Jack Dorsey, hanno risposto moltissimi grandi brand, dando un cinque virtuale all’unico vero social funzionante. Tra i tanti. anche, McDonald’s, Burger King, Reddit, Warner Bros, Alexa, OnlyFans, Tumblr, KFC e non sono mancati all’appello anche gli account proprio di WhatsApp e Instagram.

LEGGI ANCHE: Social Commerce vantaggi e differenze con l’ecommerce tradizionale

Quasi centomila commenti al saluto di Twitter e più di mezzo milione di retweet, più un milione e mezzo di cuoricini a incoronare l’indiscusso re dei social.

Festeggia anche Telegram che, in ogni occasione in cui WhatsApp ha alzato bandiera bianca, ha guadagnato milioni di iscritti in tutto il mondo.

E a un certo punto, alle 21.30 circa, ora italiana, è saltato anche Twitter, forse per la congestione causata dall’afflusso enorme di utenti sulla piattaforma.

twitter down

Le misteriose ragioni del blocco

Secondo Reuters, Facebook risulta inaccessibile perché gli utenti non vengono indirizzati nel posto giusto dal Domain Name System.

Gli esperti della sicurezza che seguono la situazione hanno dichiarato che l’interruzione è stata probabilmente innescata da un errore di configurazione che ha lasciato le indicazioni per i server di Facebook non disponibili. Potrebbe quindi essere il risultato di un errore interno, anche se il sabotaggio da parte di un insider sarebbe teoricamente possibile.

Facebook intanto non ha fornito alcuna specifica sulla natura del problema o quanti utenti sarebbero stati colpiti dall’interruzione, ma l’ipotesi della cancellazione dai registri DNS è stata confermata anche da Brian Krebs, un esperto di sicurezza informatica.

Considerazioni

Fa riflettere il fatto che tutte le piattaforme abbiano subito il blocco delle funzionalità. Fa intendere, infatti, che tutte risiedano sullo stesso server, o che probabilmente, condividano le stesse risorse di sistema. In tal caso, sarebbe una grossa leggerezza, quella di non differenziare i fornitori di servizi e le piattaforme di allocazione di ciascuna delle applicazioni.

L’importanza di differenziare

Abbiamo avuto un grande insegnamento da quest’esperienza, che probabilmente pone fine a gran parte delle polemiche tra sviluppatori. E’ un grosso errore focalizzare i modelli di business e di comunicazione su un’unica piattaforma, in quanto, se dovesse mai accadere, com’è successo, che la stessa non sia più disponibile, ci ritroveremo inevitabilmente con un’interruzione drastica ed incontrollata delle nostre attività di business e della nostra presenza online.

Questo post ha dei contenuti provenienti da Fonti esterne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

InvestiSocial © 2021
Best Creative Solutions for your Brand Identity